Blitz della Gdf in Campania, scoperto giro di fatture false: sequestro da 4 milioni di euro

Blitz della Gdf in Campania, scoperto giro di fatture false: sequestro da 4 milioni di euro

Secondo gli inquirenti, le società avrebbero acquistato sistematicamente merce in esenzione d’imposta avvalendosi di false “dichiarazioni d’intento” esibite ai fornitori, simulando la qualifica di “esportatore abituale”


NAPOLI – Un sequestro da quattro milioni di euro e quattro misure interdittive nei confronti di altrettanti soggetti: è il bilancio di un’inchiesta della procura e della Gdf di Salerno che hanno scoperto un vasto giro di fatture false. La misura interdittiva del divieto di esercitare imprese e di ricoprire uffici direttivi di persone giuridiche ed aziende, per la durata dì un anno, è stata eseguita dalle Fiamme gialle – su disposizione del gip – nei confronti di Rosario Apicella, Rosario Attanasio, Antonio Giordano e Vincenzo Pizzuto.

Il sequestro preventivo ha riguardato beni della ditta individuale “Rosapi” e delle società “Kairos Telecommunication srl” “Kyros srl” e “Yneka srls”. Le accuse contestate riguardano vari illeciti di natura fiscale. In particolare, l’emissione e l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti finalizzate all’evasione dell’Iva, l’omessa dichiarazione ed infedele dichiarazione fiscale.

Secondo gli inquirenti, le “società cartiere” avrebbero acquistato sistematicamente merce in esenzione d’imposta avvalendosi di false “dichiarazioni d’intento” esibite ai fornitori, simulando la qualifica di “esportatore abituale” che consente, agli operatori commerciali che operano con l’estero, di acquistare beni e servizi senza pagare l’Iva, per poi rivendere la merce appropriandosi cosi dell’imposta incassata dalle successive vendite.

Ansa.