Luigi ucciso a coltellate, preso l’assassino: è il papà del giovane con il quale ha litigato

Luigi ucciso a coltellate, preso l’assassino: è il papà del giovane con il quale ha litigato

L’uomo avrebbe consegnato il coltello ai militari dell’Arma


CASTEL VOLTURNO – E’ stato preso l’assassino di Luigi Izzo, il barbiere di 35 anni di Castel Volturno che questa notte è stato ucciso in seguito ad una lite per futili motivi. I fatti hanno avuto inizio intorno alle ore 2:00 nella centralissima via Roma, quando Luigi Izzo, è stato coinvolto in un alterco con alcuni uomini fuori al bar. Il barbiere, per evitare che la lite degenerasse ha preferito abbandonare la zona è tornare a casa.

Quando è rientrato a casa, però, Luigi Izzo è stato chiamato a scendere per un chiarimento. Il chiarimento, però, si è rivelato una trappola: Izzo è stato colpito con ben 6 coltellate: una alla gola, un’altra, letale, al cuore e altre in diverse parti del corpo. È stato lasciato riverso a terra nel vialetto della sua abitazione in un lago di sangue e sotto gli occhi increduli della giovane moglie.

L’assassino sarebbe un uomo di circa 50 anni, che sembra fosse il papà del 27enne con cui la vittima stava avendo il diverbio.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri, che hanno portato in caserma il presunto responsabile per interrogarlo; nel presidio dell’Arma è arrivato anche il sostituto della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere. Dalle prime informazioni sembra che l’accoltellatore abbia consegnato l’arma usata ai militari.