Omicidi Roma: De Pau voleva fuggire, cercò un passaporto falso

Omicidi Roma: De Pau voleva fuggire, cercò un passaporto falso

Offrì soldi ad una donna per ottenere il documento


ROMA – Dopo i delitti Giandavide De Pau, voleva lasciare l’Italia e per questo aveva cercato di ottenere un passaporto falso in cambio di denaro. E’ quanto emerge dalle indagini sul triplice omicidio di Roma. In base quanto accertato dopo i fatti, il 51enne avrebbe contattato la donna cubana con cui aveva trascorso la notte prima degli omicidi per chiederle aiuto nell’ottenere il documento. In base a quanto si apprende, inoltre, gli inquirenti non hanno ancora trovato l’arma utilizzata per uccidere a coltellate le tre donne.

E’ stato fissato per domani mattina l’interrogatorio di convalida del fermo di Giandavide De Pau, il 51enne romano accusato del triplice omicidio di Roma. L’atto istruttorio si svolgerà nel carcere di Regina Coeli dove l’indagato è stato trasferito sabato sera al termine dell’interrogatorio in Questura. La Procura ha trasmesso la richiesta al gip in cui si contesta il reato di omicidio plurimo aggravato. Sempre domani i pm di piazzale Clodio affideranno l’incarico al medico legale per le autopsie che verranno svolte all’istituto di medica legale del Gemelli.