Prendeva il Reddito di Cittadinanza ma aveva 8 immobili ed un terreno

Prendeva il Reddito di Cittadinanza ma aveva 8 immobili ed un terreno

Una delle donne indagate, è la moglie di un camorrista in galera


TORRE ANNUNZIATA – Questa mattina il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha dato esecuzione, nei Comuni di Torre Annunziata, Boscoreale, Boscotrecase e Santa Maria la Carità, a tre decreti di sequestro preventivo di beni mobili ed immobili, per un ammontare complessivo pari a circa 36mila euro, emessi in altrettanti procedimenti dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Torre Annunziata su richiesta di questa Procura locale. I tre provvedimenti ablatori sono stati eseguiti nei confronti di tre donne, indiziate del reato di truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche relativamente alla indebita percezione del “Reddito di Cittadinanza”.

All’esito delle indagini i finanzieri del Gruppo di Torre Annunziata hanno denunciato tre soggetti che avrebbero compilato in maniera non veritiera la domanda diretta a usufruire della predetta misura assistenziale. In particolare, una delle indagate avrebbe omesso di dichiarare la presenza di un componente del proprio nucleo familiare condannato per associazione mafiosa e e sottoposto alla misura cautelare della custodia in carcere, in contrasto con quanto previsto dalla legge sul Reddito di cittadinanza.

Le altre due indagate, invece, avrebbero omesso di dichiarare, in un caso, il possesso di ben otto immobili e di un terreno, mentre, nell’altro caso, i redditi da lavoro dipendente percepiti da uno dei componenti del proprio nucleo familiare. Tali omissioni avrebbero permesso di raggirare l’INPS, ente erogatore del sostegno, con un danno per le casse dello Stato pari a 35.919 euro. Allo stato sono stati sottoposti a sequestro una quota parte di un immobile e due autovetture per un ammontare complessivo di circa 15mila euro.

COMUNICATO STAMPA