Terra dei Fuochi, cittadini in corteo contro il biodigestore nel Casertano

Terra dei Fuochi, cittadini in corteo contro il biodigestore nel Casertano

Qualche anno fa i cittadini protestarono contro la puzza proveniente da un impianto; la mobilitazione portò al risultato che la puzza scomparve, in quanto l’azienda smise di trattare determinate tipologie di rifiuti


CASERTA – Un migliaio di persone, tra cui tante famiglie con bambini e associazioni ambientaliste con striscioni e manifesti, hanno partecipato a Gricignano d’Aversa (Caserta) al corteo per dire “no” al biodigestore, l’impianto di trattamento dei rifiuti umidi che la società Ambyenta Campania, controllata da Sersys Ambiente (azienda di Rivoli specializzata nell’offerta di servizi ambientali), vorrebbe realizzare nell’area industriale del comune dell’agroaversano. Un “no” secco già pronunciato in altri cortei nei mesi scorsi.

Gricignano infatti, come i comuni limitrofi, ricade nella cosiddetta Terra dei Fuochi, quella fascia territoriale compresa tra le province di Caserta e Napoli fortemente compromessa dal punto di vista ambientale; da qui nasce la netta contrarietà della cittadinanza alla realizzazione di un impianto in grado di trattare 110mila tonnellate di rifiuti umidi, in una zona dove ne esistono già di impianti di varie dimensioni che trattano le più svariate tipologie di rifiuto.

Qualche anno fa i cittadini protestarono contro la puzza proveniente da un impianto; la mobilitazione, durata più di un mese, portò al risultato che la puzza scomparve, in quanto l’azienda smise di trattare determinate tipologie di rifiuti. Superata quell’emergenza, si è poi materializzato lo spettro del Biodigestore; uno spettro che sembrava essersi allontanato nel gennaio scorso, quando il Consorzio Asi (Area Sviluppo Industriale) Caserta rigettò l’istanza di Ambyenta Campania per l’assegnazione del lotto di terreno nel comune di Gricignano di Aversa dove edificare l’impianto di rifiuti.

Il “no” dell’Asi bloccò l’iter di realizzazione dell’impianto, ma Ambyenta è andata avanti acquistando un terreno a Gricignano, per cui ora ha bisogno delle autorizzazioni, e conta di ottenerle nelle prossime settimane quando si terrà la conferenza di servizi con tutti gli enti coinvolti nell’iter di realizzazione del Biodigestore. Ecco il motivo della protesta, cui hanno preso parte vari sindaci, tra cui quello di Gricignano Vincenzo Santagata.