Terrore a Napoli, sparatoria dopo la rapina: ci sono 3 feriti

Terrore a Napoli, sparatoria dopo la rapina: ci sono 3 feriti

A sparare, il ladro dopo che è stato accerchiato dalla folla inferocita


NAPOLI – Notte di terrore a Poggioreale dove dopo una rapina si è consumata una sparatoria durante la quale sono rimaste ferite 3 persone. A sparare, il malvivente dopo che è stato accerchiato dalla folla inferocita. Ad essere raggiunti dai proiettili, l’uomo che ha subito la rapina ed altre due persone che erano accorse in suo aiuto.

Il rapinatore è un 29enne di Acerra, che, si è poi scoperto, era evaso poco prima dagli arresti domiciliari, ai quali si trovava per tentato omicidio.

Il giovane è stato quindi arrestato per rapina pluriaggravata, porto abusivo di arma comune da sparo, ricettazione, tentato omicidio, lesioni personali ed evasione. Mentre è ancora caccia al complice della rapina che è invece riuscito a fuggire. Tutto è accaduto in una manciata di minuti. Sul posto sono subito arrivati i Falchi della Squadra Mobile, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e del Commissariato Poggioreale, su segnalazione della Centrale Operativa di una persona ferita da colpi d’arma da fuoco in via Carlo di Tocco.

Quando sono arrivati sul posto, i poliziotti hanno trovato il personale dell’ambulanza del 118 che stava prestando soccorso a due persone ferite ed hanno appreso che, poco prima, due individui a bordo di uno scooter avevano rapinato un uomo per poi fuggire nell’adiacente via Molise. Gli operatori, arrivati nella strada indicata, hanno trovato una terza persona, anch’ella ferita da un colpo d’arma da fuoco, e un gruppo di persone che avevano fermato uno dei fuggitivi.

Gli agenti hanno bloccato il malvivente e rinvenuto, poco distante, la pistola utilizzata per commettere il reato, risultata rubata nell’aprile 2021 a Corbara, in provincia di Salerno. I poliziotti hanno accertato che i due uomini, dopo essersi avvicinati alla vittima, l’avevano rapinata dell’orologio e, durante la colluttazione, il conducente della moto si era dato alla fuga lasciando il complice sul posto il quale, accerchiato da alcune persone giunte in soccorso della vittima, aveva fatto fuoco ferendone tre.