Un Napoli inarrestabile chiude la prima parte di stagione a 41 punti. Ora la sosta: chi avvantaggerà?

Un Napoli inarrestabile chiude la prima parte di stagione a 41 punti. Ora la sosta: chi avvantaggerà?

Con l’Udinese arriva l’undicesima vittoria consecutiva. Azzurri a +8 sulle inseguitrici


Si chiude questa prima parte di stagione per il Napoli con l’11a Vittoria consecutiva, nell’ultima giornata di Campionato contro l’Udinese per 3-2.

Una partita in cui il Napoli sembrava aver chiuso la pratica già all’inizio della ripresa, ma poi l’Udinese sul 3-0 riapre la gara grazie a due cambi di Andrea Sottil, Nestorovski e Samardzic, che diventano decisivi segnando un Gol a testa e facendo tremare le gambe agli Azzurri negli ultimi 11 minuti in cui probabilmente la squadra di Spalletti ha peccato di un eccessivo rilassamento, calando d’intensità e di concentrazione e subendo quindi uno scossone dagli ospiti. Per fortuna però il Napoli rinsavisce e porta a casa l’ennesima Vittoria, dando il via ai festeggiamenti del Maradona che sogna in Grande.

Gli Azzurri giocano una partita sfruttando molte occasioni in contropiede, prima con il solito implacabile Osimhen che, sul cross pennellato di Elmas, fa un colpo di testa vincente. Solo Harry Kane ha segnato più Gol di testa (9) di Osimhen (8) nell’anno solare 2022 nei Top 5 Campionati Europei.

L’attaccante Azzurro è ormai un Leader assoluto e sempre più Capocannoniere del Campionato con 9 Gol totali. E parte da lui anche un altro contropiede Azzurro dove difende palla in maniera perfetta, poi inventa un colpo di tacco meraviglioso per Lozano che pesca Zielinski dall’altra parte, il quale con un destro a giro da capolavoro insacca il 2-0. Per il Polacco sono 3 Gol e 5 Assist in questa Serie A. Infine, ancora un contropiede del Napoli con la palla in profondità di Anguissa per Elmas che dal sinistro se la passa sul destro e segna il terzo Gol Azzurro facendo un’altra prestazione importante, la prima con Gol e Assist nella stessa partita.

Poi il calo e quegli 11 minuti che hanno fatto gelare il Maradona, ma che sono stati importanti per far ricordare sempre che non è finita finché NON È FINITA. Per fortuna finisce con un’altra grande Vittoria del Napoli che continua la sua Cavalcata Trionfale, non facendo pesare neanche l’errore di Kim che gioca 80 minuti di perfezione e poi quella leggerezza che mette a rischio il Match, probabilmente anche concessa visto le grandi prestazioni continue a cui ci ha abituato il Coreano, il quale però si scusa pubblicamente sui social con quell’umiltà che lo contraddistingue e che comunque fa di lui ancora di più il Leader della Difesa Azzurra.

Ad ogni modo, il Napoli vince e raggiunge 41 punti in 15 partite, una media da Record che in proiezione fa 104 punti, e diventa la seconda squadra della Storia in grado di vincere almeno 13 delle prime 15 partite di un Campionato di Serie A, dopo la Juventus (4 volte).

Dunque “la Capolista se ne va” come cantano i Tifosi del Napoli festeggiando al Maradona, gli Azzurri ormai sono innarrestabili e chiudono questa prima parte di stagione per ora a +11 sulle seconde (aspettando le partite di Lazio e Milan), realizzando 37 Gol e subendone solo 12.

Ora ci si ferma per quasi 2 mesi e non è detto che sia uno svantaggio per il Napoli, perché tutte le variabili possibili non riguardano solo gli Azzurri ma anche tutte le altre squadre che al momento sono molto più indietro in Classifica.

E allora godiamoci questo fantastico momento Azzurro, passando un Natale sereno per poi ripartire alla grande già il 4 Gennaio in casa dell’Inter.
Buona sosta a tutti e Forza Napoli Sempre…con un sogno nel cuore!