Da carcerato a piazzaiolo, la nuova vita di Mirko: “Mai più in cella”

Da carcerato a piazzaiolo, la nuova vita di Mirko: “Mai più in cella”

L’uomo ha imparato l’arte della pizza all’interno del carcere di Poggioreale ed è stato assunto in una pizzeria


NAPOLI – “Sono stato in carcere molte volte da quando avevo 20 anni. Ho fatto corsi di formazione che davano un gettone e basta, stavolta invece a Poggioreale ha funzionato un corso vero, ora sono pizzaiolo e da gennaio ho un contratto in una pizzeria.

E so che in carcere non tornerò più”. Mirko ha 44 anni, dopo un passato di errori è pronto a uscire dal carcere di Napoli con una nuova vita grazie al corso tenuto a Poggioreale dal gestore di una pizzeria, che lo ha già assunto.

L’uomo, nato nel centro di Napoli, racconta la sua storia a margine del pranzo di Natale organizzato dalla Comunità di Sant’Egidio per i detenuti. Dopo mesi prima di studio e poi di pratica, Mirko ora è un pizzaiolo davvero capace: “Mi restano quasi due anni e mezzo da scontare ma aspetto che il magistrato mi dia il permesso di andare a lavorare in pizzeria fuori, spero da gennaio. Ho sempre sbagliato, sin da giovanissimo, cominciai a usare gli stupefacenti e quindi avevo sempre bisogno di soldi che facevo in maniera illegale. In prigione non ho mai avuto una strada di lavoro, non c’erano attività e quindi ci ricascavo all’uscita.

Invece ora so che questa è l’ultima volta in carcere perché ho un percorso nella vita in cui ho imparato un mestiere”. Passi decisivi come sottolinea anche il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi, che ha pranzato oggi con i detenuti di Poggioreale: “La formazione è molto importante – spiega – da Rettore della Federico II avviai il polo universitario al carcere di Secondigliano che sta avendo grandi risultati, tanti detenuti seguono i corsi, alcuni si sono laureati e trovano opportunità di lavoro all’uscita. Poter scegliere il recupero significa dare speranza e opportunità per tutti e questo è un segnale importante di democrazia”.

Ansa