Controlli a Napoli: arrestato latitante, pesanti multe a parrucchiera e ditta edile, sequestri di alimenti

Controlli a Napoli: arrestato latitante, pesanti multe a parrucchiera e ditta edile, sequestri di alimenti

Le multe si aggirano in totale attorno ai 20mila euro ed i sequestri nell’ordine dei 500 kg. Multata anche la titolare di un centro massaggi per inosservanze del testo unico sulla sicurezza


NAPOLI – Continuano i controlli a piazza Garibaldi e nelle zone limitrofe disposti dal comando provinciale carabinieri di Napoli con l’impiego dei militari della compagnia Stella che con il personale dell’Asl locale si sono avvalsi del prezioso contributo dei colleghi del reggimento Campania e delle unità dei reparti speciali.
Durante le operazioni i Carabinieri della stazione di Secondigliano hanno arrestato Antonio De Luca, 48enne del posto già noto alle forze dell’ordine. Sull’uomo pendeva un provvedimento emesso dal Tribunale di Napoli e i militari lo hanno rintracciato e arrestato. Il 48enne dovrà scontare la pena di 1 anno di reclusione in regime di detenzione domiciliare.

I Carabinieri del nucleo ispettorato del lavoro hanno denunciato la titolare di un salone di bellezza, nel locale personale senza la prevista formazione né tantomeno la visita medica obbligatoria. L’esercizio commerciale è stato anche sospeso dagli stessi militari del N.i.l. e del N.a.s. per inosservanze del regolamento comunale, per la parrucchiera una sanzione di 11mila euro.

Denunciato anche il titolare di una ditta edile impegnata in un cantiere a via Amerigo Vespucci per la violazione delle norme sulla sicurezza. Per l’uomo anche una sanzione di 8mila euro.

Prevenzione, contrasto alla criminalità ma anche sicurezza alimentare. I Carabinieri del Nas hanno chiuso – per gravi carenze igienico sanitarie e strutturali – un panificio di via Firenze. Durante gli accertamenti i militari hanno sequestrato anche 80 chili di prodotti vari destinati alla panificazione.

Sanzionata anche la titolare di una pasticceria di via Bologna dove sono stati sequestrati 350 chili di dolciumi privi di tracciabilità e il proprietario di una pizzeria a corso Novara. In questo caso i Carabinieri hanno sospeso la linea produttiva della cucina per carenze igieniche sanitarie e strutturali e hanno sequestrato 75 chili di prodotti alimentari privi di tracciabilità.

Ultima sanzione anche per la titolare di un centro massaggi di via Pignatelli dove i carabinieri hanno accertato inosservanze del testo unico sulla sicurezza.