Giugliano calcio, niente acqua al ‘Partenio-Lombardi’: trasloco per i tigrotti?

Giugliano calcio, niente acqua al ‘Partenio-Lombardi’: trasloco per i tigrotti?

Sigilli ai contatori per bollette di oltre 275mila euro non pagate: il sodalizio gialloblù estraneo alla vicenda


AVELLINO – Debiti non pagati, rubinetti chiusi e, in poche ore, la necessità (forse) di trovare una nuova casa per le partite casalinghe. Non per una, ma per due squadre: l’Avellino e il Giugliano. Almeno fino a che la situazione non verrà ripristinata.

È lo strano caso scoppiato nelle ultime ore al Partenio-Lombardi, casa dell’Avellino calcio, arrivato come un fulmine a ciel sereno nella società biancoverde e, di riflesso, nei pensieri del sodalizio gialloblù del patron Mazzamauro. È infatti dal 2019 che le bollette dell’acqua relative all’impianto sportivo (per un totale di oltre 250mila euro) non sono state pagate motivo per cui l’Alto Calore, l’ente che si occupa della distribuzione, ha disposto l’interruzione del servizio.

L’Avellino, dunque, è stato costretto ad emigrare nella vicina Mercogliano per gli allenamenti in attesa di capire dove giocherà il prossimo match, mentre al Giugliano, “ospite” del Partenio dall’inizio della stagione per l’indisponibilità del ‘De Cristofaro’ e totalmente estraneo alla vicenda, non resta che attendere nella speranza che i sigilli ai rubinetti vengano tolti.

Per evitare di essere costretti, e per chissà quanto tempo, ad un nuovo (e di certo non piacevole) trasloco già a partire dalla prossima gara di campionato con il Latina.