Lite tra vicini finisce nel sangue, uno tenta di demolirgli casa con ruspa l’altro lo uccide

Lite tra vicini finisce nel sangue, uno tenta di demolirgli casa con ruspa l’altro lo uccide

Il 57enne, a bordo di un escavatore avrebbe prima danneggiato quattro autovetture parcheggiate e poi colpito più volte le mura e il tetto dello stabile


AREZZO – Durante una lite tra vicini un 57enne di origini albanesi ha assaltato una villetta con un escavatore ma il proprietario di casa, 53 anni, ha sparato, uccidendolo.

Il 53enne è stato arrestato dai carabinier quale indiziato di omicidio.

È accaduto ieri sera a San Polo, frazione di Arezzo. Secondo una prima ricostruzione, il 57enne, a bordo di un escavatore di sua proprietà, avrebbe prima danneggiato quattro autovetture parcheggiate, tutte di proprietà dei familiari dell’arrestato, e poi colpito più volte con la benna del mezzo le mura e il tetto dello stabile, provocando danni strutturali all’abitazione nella quale si trovavano l’arrestato e i suoi familiari, che stavano cenando insieme per la vigilia della Befana.

Il proprietario della villetta avrebbe reagito sparando più volte contro l’aggressore con un fucile. Sul posto anche i vigili del fuoco, che hanno fermato il motore della ruspa, rimasto acceso, e fatto uscire le persone dalla casa, che è stata valutata inagibile.

Ansa