Lutto a Napoli, il piccolo Simba muore a soli 3 anni

Lutto a Napoli, il piccolo Simba muore a soli 3 anni

Simba era nato in una baracca, figlio di una mamma con gravi problemi di tossicodipendenza, e fu salvato a 4 mesi grazie all’intervento di un assistente sociale


NAPOLI – Giornata di lutto a Napoli per la morte del piccolo “Simba”, il piccolo soprannominato come il “Re Leone” è venuto a mancare alla tenera età di soli tre anni. Il piccolo viveva alla “Casa di Matteo”, una struttura che si occupa dell’assistenza ai bimbi disabili gravi abbandonati o che i genitori non riescono ad assistere da soli.

Simba era nato in una baracca, figlio di una mamma con gravi problemi di tossicodipendenza, e fu salvato a 4 mesi grazie all’intervento di un assistente sociale. Grazie alla sua storia, anche il fratellino fu salvato in tempo per poi essere adottato.

La vicenda del piccolo è stata presa a cuore dall’assessore al Welfare del Comune di Napoli, Luca Trapanese, che ha poi scritto anche un post sul suo profilo Facebook: “Simba è morto sereno ed amato nella casa che lo ha accolto dalla nascita. Non aveva nessuno della sua famiglia originaria. Ha avuto una delle sue crisi e purtroppo o per fortuna non l’ha superata. È morto tra le braccia di Marco che lo ha voluto accompagnare in questo momento importante. Questo è il senso e lo scopo della La Casa di Matteo. Siamo fortunati che ci sia una realtà simile e delle persone che la portano avanti con amore e dedizione e non come un semplice lavoro”.

I funerali del piccolo si terranno oggi, alle 13, presso la Parrocchia dell’Addolorata in Via Pigna, a Napoli.