Osimhen lancia la sfida alla Juventus

Osimhen lancia la sfida alla Juventus

Il Napoli doveva rispondere alla sconfitta contro l’Inter ed al velenoso corto-muso di Allegri e la sua Juventus: lo ha fatto contro la Samp, sempre più verso la B.


Bomber cuore leggenda”. Striscioni e canti per Vialli e Miha al Ferraris di Genova, oscurano balordi che si menano nelle aree di servizio sulle autostrade italiane.

Il Napoli doveva rispondere alla sconfitta contro l’Inter ed al velenoso corto-muso di Allegri e la sua Juventus: lo ha fatto contro la Samp, sempre più verso la B.

Cinque minuti. Politano sbaglia il rigore e cancella tutte le polemiche che sarebbero potute scaturire dopo la concessione dell’arbitro Abisso: mano di Audero e palo.

Quindici minuti dopo, la combo perfetta: assist di Mario Rui (6º assist) e zampata di Osimhen (dieci reti) e Audero stavolta non puo’ nulla.

Il gol di Victor che apre alla vittoria degli azzurri ed alla corta settimana, che porterà tutti gli appassionati al match dell’anno in Serie A: Napoli – Juventus tra 5 giorni al Maradona.

Al quaranta, la pietra tombale sulla partita. Rosso (netto) a Rincon che spezza la corsa di un ottimo Osimhen verso la porta della Doria.

All’ottanta, la resa finale con un altro rigore assegnato ai partenopei: Elmas non copia Politano, incrocia e penalty perfetto.

In alcuni momenti di Samp-Napoli, si è rivisto il gruppo di Spalletti: con una manovra agile, un pressing alto, e folate sulle fasce.

Contro la Juventus bisognerà fare questo ed altro: spezzare l’incantesimo che tiene ancora in vita la Signora bianconera che non subisce gol da otto giornate ed anche ritrovare quel Kvara che faceva impazzire gli avversari. E magari non sostituirlo prima del tempo.

A Napoli, venerdì sera si deciderà forse mezzo scudetto. Non vediamo l’ora di vivere questo grande momento di sport.

Giuseppe LIBERTINO