Banane alla cocaina quelle arrivate al porto di Salerno: sequestrati 218 chili

Banane alla cocaina quelle arrivate al porto di Salerno: sequestrati 218 chili

La cocaina proviene dal Sud America: scoperta dal cane antidroga


SALERNO – Maxi sequestro di droga quello effettuato dalla Guardia di Finanza al porto di Salerno. La cocaina era nascosa in un carico di banane proveniente dal sud America. In mezzo alla frutta, infatti, c’erano nascosti 218 chili di cocaina. Nella mattinata di oggi, giovedì 30 marzo, i militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Napoli, unitamente ai finanzieri del Comando Provinciale di Salerno e al personale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, hanno effettuato un blitz al Porto di Salerno, rinvenendo e sequestrando l’ingente quantitativo di sostanza stupefacente.

La cocaina proviene dal Sud America: scoperta dal cane antidroga.

L’operazione è scattata nell’ambito di un rapporto di cooperazione internazionale tra Forze di Polizia: i militari delle Fiamme Gialle hanno controllato i container che trasportavano banane arrivati al Porto di Salerno dal Sud America. È stato grazie al fiuto del cane antidroga Fabry se la cocaina è stata scoperta: in un container, i finanzieri hanno trovato 171 chili di droga, occultata tra le cassette della frutta; nei vani esterni dei motori refrigeratori, invece, sono stati trovati altri 47 chili di cocaina, per un totale di 218 chili.

La droga sequestrata vale 40 milioni di euro
L’ingente quantitativo di sostanza stupefacente, una volta arrivato a Salerno, sarebbe poi stato distribuito nelle piazze di spaccio della Campania. Secondo una prima stima effettuata dagli inquirenti, i 218 chili di cocaina sequestrati oggi a Salerno avrebbero fruttato circa 40 milioni di euro alla criminalità.

COMUNICATO STAMPA