Napoli, manifesti di Meloni e La Russa a testa in giù, indaga la Digos

Napoli, manifesti di Meloni e La Russa a testa in giù, indaga la Digos

La Polizia di Stato ha già acquisito i video registrati dai sistemi di videosorveglianza


Manifesto affisso a testa in giù della presidente del consiglio Giorga Meloni e del presidente del senato Ignazio la Russa. Napoli 25 Aprile 2023. ANSA/CESARE ABBATE/

NAPOLI, – Foto a testa in giù della presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, del presidente del Senato, Ignazio La Russa, e dei ministri dell’Interno, Matteo Piantedosi e dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, sono state affisse a Napoli nei pressi di luoghi simbolo della Resistenza.

I manifesti sono apparsi vicino ai monumenti che ricordano i martiri delle Quattro Giornate che portarono i napoletani a ribellarsi al nazifascismo tra il 27 ed il 30 settembre 1943.

Sui anifesti, che non sono firmati, compare la scritta ‘Buon 25 Aprile!’. E poi, per ognuno dei raffigurati uno slogan. ‘Pronti! (a rovinare il paese) il messaggio che compare vicino alla Meloni. ‘Dal presidente dei nostalgici’ quello accanto a La Russa. Per Piantedosi la scritta ‘Dal ministro delle morti in mare’ e per Valditara ‘Dal ministro dell’umiliazione e della repressione’.

La Digos di Napoli, coordinata dal primo dirigente Antonio Bocelli, ha avviato indagini per individuare i responsabili dell’affissione di alcune foto a testa in giù della presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, del presidente del Senato, Ignazio La Russa, e dei ministri dell’Interno, Matteo Piantedosi e dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, trovate in città.
La Polizia di Stato ha già acquisito i video registrati dai sistemi di videosorveglianza delle zone in cui sono state affisse le immagini, nei pressi dei monumenti che ricordano i martiri delle Quattro Giornate che portarono i napoletani a ribellarsi al nazifascismo tra il 27 ed il 30 settembre 1943.