Il Maradona pronto ad omaggiare i suoi Campioni

Il Maradona pronto ad omaggiare i suoi Campioni

I Campioni d’Italia 22/23 tornano nella bolgia di casa e affrontano la Fiorentina


Uno stadio sold out per la partita delle 18 tra Napoli e Fiorentina. Gli azzurri tornano a casa da Udine, con la testa più leggera ma con il cuore pronto ad esplodere per aver raggiunto l’obbiettivo più ambito dell’intera stagione. Il “Maradona” riabbraccia finalmente i suoi Campioni, dopo la vittoria matematica avvenuta grazie al pareggio di Udine. I partenopei aspettavano da 33 anni uno scudetto che sembrava non arrivare ma come annunciato dal tecnico toscano, il Napoli ha ancora fame e vuole superare il record dei 91 punti messi a segno dal Napoli di Sarri. Per rendere la serata speciale e magica, dopo il match in cui verrà omaggiato Spalletti dai tanti toscani venuti da Certaldo, sua città natale; toccherà anche all’intera squadra essere omaggiata e festeggiata dai tanti supperters, sotto gli occhi del presidente De Laurentiis e del regista Premio Oscar, Paolo Sorrentino, . Le probabili formazioni vedono per il Napoli (4-2-3-1): 95 Gollini; 22 Di Lorenzo, 55 Ostigard, 3 Kim Min-Jae, 17 Olivera; 99 Anguissa, 4 Demme; 11 Lozano, 81 Raspadori, 7 Elmas; 9 Osimhen. Una formazione rimaneggiata che mette a disposizione un’opportunità per tutti i calciatori che non hanno trovato tanto minutaggio durante la stagione e garantisce anche loro un gran momento di festa. Per i viola (4-2-3-1) una formazione a specchio: 1 Terracciano; 2 Dodò, 4 Milenkovic, 98 Igor, 15 Terzic; 34 Amrabat, 38 Mandragora; 99 Kouamé, 10 Castrovilli, 77 Brekalo, 7 Jovic. Spalletti in conferenza ha dichiarato: “Non ho mai smesso di credere allo scudetto. Ma anche se non ci fossimo riusciti sarei rimasto soddisfatto da quello che mi ha regalato questo viaggio fino a Napoli. Mi sono sentito inondato dal sentimento d’amore della città in questi due anni. In questo momento sono appagato e felice perché ho regalato felicità ai tifosi. La vera vittoria è aver fatto felici tante persone. Aver dato gioia a tutti quelli che amano il Napoli. Lo scudetto qui è un evento storico, qualcosa che esce dagli schemi, tutti gli addetti ai lavori ne traggono beneficio. Lo merita Napoli ma anche tutto il nostro calcio”.