Giugliano, nuovo asilo nido in città: oggi partono i lavori nello stabile abbandonato in Villa Comunale

Giugliano, nuovo asilo nido in città: oggi partono i lavori nello stabile abbandonato in Villa Comunale

La struttura di circa 300 metri quadrati ospiterà 30 bambini di diverse età


GIUGLIANO – La città avrà presto un nuovo asilo nido. È stato infatti il primo cittadino Nicola Pirozzi ad annunciare l’avvio dei lavori nella struttura fino ad oggi abbandonata presente all’interno della Villa Comunale. Uno stabile spesso oggetto di atti vandalici, peraltro pericoloso per la presenza di vetri rotti in ogni dove e, in generale, tutt’altro che piacevole da vedere all’interno di uno dei polmoni verdi della città. Oggi, dunque, l’inizio dei lavori: “In tempi non sospetti – ha dichiarato Pirozzi – molto prima che in Italia, a causa del “caso Caivano”, si iniziasse a parlare dei diritti dei bambini di questa terra, posi l’accento sul tema del diritto all’infanzia. Molti pensarono alle solite chiacchiere, ora invece si passa ai fatti”.

Da oggi, dunque, l’inizio dei lavori di riqualificazione dello stabile degradato in Villa Comunale per la realizzazione di un asilo nido nel cuore della città.

“Una struttura pubblica di grande importanza – ha proseguito il primo cittadino – che ospiterà ben 30 bambini, così suddivisi: dieci lattanti, dieci divezzi, dieci semi-divezzi”. Il tutto distribuito in 300 metri quadri divisi su due piani. Al piano terra sono previste l’area accoglienza, un’area per i divezzi e semi-divezzi comprensiva di dormitorio e sala pranzo nonché servizi igienici e spazi per le attività. Al primo piano, invece, sono previsti l’area accoglienza bambini, area per lattanti con dormitorio, spazi attrezzati per il cambio e la pulizia, spazi per attività di intrattenimento, area per allattare, uffici per riunioni e per la direzione della struttura, sala medica e spogliatoi con servizi igienici annessi.

“È un’opera – ha concluso – che ho sempre avuto particolarmente a cuore. Dopo due anni e mezzo di intenso lavoro lontano dai riflettori, oggi raccogliamo i frutti e i cittadini possono verificare, con l’inizio dei lavori e l’apertura dei cantieri, la concretezza che ci sta caratterizzando”.