Marisa Leo uccisa dall’ex, domani l’ultimo saluto alla giovane mamma

Marisa Leo uccisa dall’ex, domani l’ultimo saluto alla giovane mamma

La 39enne aveva già denunciato l’uomo per stalking


SICILIA – L’autopsia eseguita sul corpo di Marisa Leo, uccisa dall’ex Angelo Reina, conferma le prime ipotesi sul delitto. La magistratura ha dunque dato il via libera alla restituzione della salma per i funerali che si terranno domani, mercoledì 13 settembre alle 16:00 nella chiesa Madre di Salemi, nel Trapanese. Marisa, 39 anni, è stata uccisa con almeno tre colpi di fucile calibro 22 che l’hanno colpita all’addome. Il killer, Angelo Reina, poco dopo l’uccisione si è tolto la vita con la stessa arma.

Femminicidio Marisa Leo

Il 43 enne aveva chiamato la vittima con la scusa della bambina per poi ucciderla. Marisa e Angelo, nei mesi scorsi, avevano tentato di recuperare la loro relazione, ma visto che non c’erano stati progressi, la donna aveva deciso di lasciarlo. I due, per amore della figlia, avevano trovato un equilibrio. Il giorno dell’omicidio, infatti, la piccola era stata con il padre a Palermo, dove l’uomo stava seguendo un appalto all’interno del porto.

Ora gli investigatori dovranno anche cercare di ricostruire come Angelo Reina, nonostante una denuncia per stalking da parte di Marisa Leo, sia riuscito ad avere un’arma e ad arrivare a ciò. Sui drammatici fatti ci sono ancora dei dubbi. L’esame autoptico è stato svolto presso l’Istituto di medicina legale del Policlinico di Palermo. Alcune testimonianze degli amici della vittima dicono che l’uomo, durante le visite alla figlia, avrebbe mostrato a Marisa delle immagini delle armi sul cellulare, avvertendola che frequentava il poligono di tiro.