“Nonna c’è un pacco per me”: ma lei chiama il 112 e fa arrestare il 25enne truffatore

“Nonna c’è un pacco per me”: ma lei chiama il 112 e fa arrestare il 25enne truffatore

L’anziana in un primo momento si era convinta a pagare 1300 euro ad un finto corriere


MELITO – La tecnica sempre la stessa ma, in questo caso, l’astuzia di una nonnina ha avuto fortunatamente la meglio. È l’ennesimo caso di un tentativo di truffa agli anziani. È accaduto a Melito dove una 83enne aveva ricevuto una telefonata da un finto nipote: “Nonna sta arrivando un pacco per me, è urgente! Per piacere paga tu il corriere”.

La donna in un primo momento acconsente e prepara i 1.300 euro richiesti. In quei minuti di attesa, però, le viene il dubbio che quello che sta accadendo possa essere una messa in scena per raggirarla. E allora contatta il 112: sul posto arrivano i carabinieri della sezione operativa della compagnia di Marano di Napoli. Sono in borghese e attendono quel corriere: pochi secondi dopo, all’ingresso dell’abitazione, arriva un uomo con una scatola tra le mani: è il truffatore.

Si tratta di Michele Migliaccio, 25enne di Afragola: i Carabinieri attendono che lo scambio avvenga e poi intervengono bloccando e arrestando l’uomo. Nella scatola trovate solo alcune cialde di caffè: il 25enne dovrà rispondere di tentata truffa aggravata ed è ora a disposizione dell’autorità giudiziaria.