Truffa sui bonus edilizi, maxi sequestro della GdF: sigilli a 3 milioni e mezzo ad una società

Truffa sui bonus edilizi, maxi sequestro della GdF: sigilli a 3 milioni e mezzo ad una società

L’operazione ha consentito di smantellare un’organizzazione operante su tutto il territorio nazionale


AVELLINO – Tre milioni e mezzo di euro di crediti d’imposta fittizi, relativi ai cosiddetti bonus edilizi, sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza di Avellino.

Le indagini, coordinate dalla Procura del capoluogo irpino, coinvolgono trenta persone fisiche residenti in Campania, una società “cartiera” con sede in provincia di Vicenza alla quale facevano riferimento altre società con sedi fantasma su tutto il territorio nazionale.

Il meccanismo truffaldino era ben collaudato: la società “cartiera”, amministrata nel tempo da diversi prestanome, otteneva i bonus edilizi attraverso fatture rilasciate a trenta contribuenti, per lavori edilizi mai realizzati.

La stessa società cedeva successivamente parte dei crediti ad altre società. I crediti ceduti erano in prevalenza ecobonus, sismabonus e bonus facciate, frazionati in numerose comunicazioni telematiche alla Agenzia delle Entrate. In particolare, i finanzieri hanno individuato nei beneficiari persone con precedenti penali e, in molti casi, percettori del reddito di cittadinanza. Su richiesta del procuratore capo di Avellino, Domenico Airoma, il Gip del tribunale irpino ha emesso due decreti di sequestro preventivo. Le indagini in corso si inseriscono nel contesto più ampio del contrasto alle frodi sulla spesa pubblica che la procura irpina ha avviato in collaborazione con la Guardia di Finanza e l’Agenzia delle Entrate costituendo un pool specializzato di magistrati inquirenti.