Latte adulterato per fare la mozzarella DOP: imprenditore Casertano condannato a 3 anni

Latte adulterato per fare la mozzarella DOP: imprenditore Casertano condannato a 3 anni

Stabilita invece l’estinzione di reato per gli ex titolari dell’allevamento bufalino di San Potito Sannitico


SANTA MARIA CAPUA VETERE – Condannato a 3 anni per aver usato nella sua azienda latte adulterato per la produzione di mozzarella dop. È questa la decisione del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere nei confronti dell’imprenditore bufalino Salvatore Bellopede.

Come anticipato da Ansa, il collegio presieduto da Luciana Crisci ha anche dichiarato l’estinzione dei reati per prescrizione per altri imputati, in particolare per gli ex titolari dell’allevamento bufalino di San Potito Sannitico, comune dell’Alto-Casertano, da cui Bellopede avrebbe acquistato il latte.

Si tratta dei fratelli Cecilia, Marcello e Carmine Crispino, e della madre dei tre, Anna Altieri, tutti difesi da Luca Tornatora e Vittorio Giaquinto.

Il loro allevamento fu giudicato non indenne dalla tubercolosi dai veterinari dell’Asl in seguito ad un sopralluogo effettuato nel 2015, ma solo nel 2017 la circostanza emerse durante le indagini che portarono ai domiciliari Salvatore Bellopede e il fratello con l’accusa di aver usato il latte con la soda caustica nella produzione delle mozzarelle, poi vendute tramite il caseificio che è poi fallito.

Così anche i Crispino, sulla base di alcune intercettazioni ritenute rilevanti dagli inquirenti, finirono indagati e sotto processo, sebbene nel 2017 non gestissero più l’azienda.