Ancora malasanità a Scafati, morto un 60enne: l’ambulanza arriva troppo tardi

Ancora malasanità a Scafati, morto un 60enne: l’ambulanza arriva troppo tardi

L’ambulanza tarda e il pronto soccorso è chiuso: il 60enne giunge privo di vita al noto ospedale di Scafati


Ospedale Mauro Scarlato

Un’altra tragedia a Scafati, nella provincia di Salerno, dove un uomo di 60 anni è stato colto da un malore improvviso nella giornata di ieri (mercoledì 15 novembre). Stando alle informazioni raccolte finora, è emerso che i sanitari del 118 fossero arrivati troppo tardi per soccorrere la vittima. Visto che le condizioni di salute dell’uomo peggioravano sempre di più, i familiari avevano deciso di trasportarlo in auto all’ospedale Mauro Scarlato di Scafati, dove però – come si apprende – il 60enne è giunto già privo di vita. I rianimatori di turno non hanno potuto fare altro che constatarne il triste decesso.

Ospedale Mauro Scarlato, la piaga scafatese

L’episodio accaduto ieri, purtroppo, non è il primo. Si ricorda – come riportato nei recenti articoli de Il Meridiano News – che l’emergenza sanitaria a Scafati è un grave problema che, già da tempo, sussiste. La mancata riapertura del pronto soccorso scafatese e le criticità del 118 avevano influito anche sulla morte di una donna: la 59enne era deceduta mentre aspettava l’arrivo dell’ambulanza del 118 che è giunta dopo oltre mezz’ora.

A prendere in mano la situazione è il sindaco di Scafati Pasquale Aliberti che, alla luce del dramma, si è interfacciato con il Direttore Generale dell’Asl di Salerno Gennaro Sosto per le dinamiche relative all’ospedale “Mauro Scarlato”. Aliberti, lo scorso 25 ottobre, ha firmato anche un’ordinanza per intimare l’Azienda sanitaria locale e la Regione Campania all’immediata riapertura, presso il PO di Scafati, del punto di primo intervento nonché la dotazione di ambulanze con personale medico specializzato in emergenza per i casi di maggiore complessità, in numero adeguato in base alla popolazione.

ARTICOLO CORRELATO: Scafati, continua la battaglia del sindaco Aliberti sulla malasanità: “Basta giocare sulla pelle delle persone”