Braccialetto elettronico d’urgenza per stalking, primo caso in Italia: applicato ad un 30enne

Braccialetto elettronico d’urgenza per stalking, primo caso in Italia: applicato ad un 30enne

Il dispositivo inserito nel nuovo Ddl del Governo verrà utilizzato già in caso di “reati spia o minacce”


ITALIA – Si chiama “braccialetto elettronico d’urgenza” ed è stato inserito nel nuovo Ddl contro la violenza sulle donne, entrato in vigore il 9 dicembre scorso.

Ora è arrivato anche il primo caso in Italia. È stato applicato a un 30enne residente in provincia di Monza, già condannato per stalking, su proposta del questore di Monza Salvatore Barilaro.

La misura è stata approvata dal presidente della sezione autonoma Misure di Prevenzione di Milano, Giuseppe Cernuto

Il braccialetto rappresenta uno strumento da applicare, secondo la nuova legge, già in presenza dei soli “reati spia o minacce”. In caso di manomissione l’uomo potrà essere arrestato anche fuori flagranza di reato.