Campania, ancora violenza sugli animali: gattino preso a calci, il video postato sui social

Campania, ancora violenza sugli animali: gattino preso a calci, il video postato sui social

“La drammatica storia di Leone, il gatto ritrovato per strada scuoiato vivo  da un criminale ancora a piede libero, purtroppo non ha insegnato nulla”, ha detto il deputato Borrelli


EBOLI – Sta diventando virale il video registrato ad Eboli, secondo quanto segnalato dai denuncianti, che riprende due individui che avvicinano un gattino con la scusa di fargli le coccole e poi, all’improvviso, uno dei due sferra un calcio sotto la pancia dell’animale facendolo roteare più volte in aria. Il tutto tra le risate dei presenti. Le immagini, che si chiudono con il povero gatto che fugge impaurito, sono state inviate al deputato di Alleanza Verdi Sinistra Francesco Emilio Borrelli.

“La drammatica storia di Leone, il gatto ritrovato per strada ad Angri scuoiato vivo  da un criminale ancora a piede libero, purtroppo non ha insegnato nulla a questi delinquenti. Senza alcuna pietà i due squallidi protagonisti di questo video, insieme a chi lo ha registrato senza intervenire per impedire la violenza, hanno attirato il povero gatto in una trappola per poi colpirlo vigliaccamente allo stomaco con un calcio. Una scena indegna per gli esseri umani che sottolinea ancora una volta quanta cattiveria e insensibilità alberghi in alcuni soggetti che pensano di poter usare violenza nei confronti di animali indifesi senza pagarne le conseguenze. Il tutto a pochi chilometri di distanza da dove fu massacrato il povero Leone. Abbiamo inviato il video alle forze dell’ordine per risalire all’identità del criminale che ha colpito il gatto e dei suoi complici nella speranza che siano subito identificati e puniti come meritano”. Queste le parole del deputato Borrelli che ha sporto denuncia contro i protagonisti del video.

CLICCA QUI PER GUARDARE IL VIDEO