Coppa Italia, ottavi di finale: il Napoli crolla in casa 4 a 0, ai quarti ci va il Frosinone

Coppa Italia, ottavi di finale: il Napoli crolla in casa 4 a 0, ai quarti ci va il Frosinone

Finisce con un poker per gli ospiti. Decisive le reti nella ripresa di Barrenechea e Caso. Il tris al ’91 con Cheddira su calcio di rigore, il 4 a 0 di Harroui sul fischio finale. Giallo sul gol annullato a Simeone sullo 0 a 0


NAPOLI – Formazioni rivoluzionate quelle di Napoli e Frosinone nella gara unica degli ottavi di finale di Coppa Italia al Maradona. Gli azzurri presentano le novità Lindstrom, Zanoli, Demme, Gollini e Gaetano dal primo minuto oltre al ritorno, nell’undici iniziale, di Mario Rui. Tra gli ospiti è Cheddira, proprietà Napoli, a guidare il reparto offensivo, coadiuvato da Caso.

Primo tempo: Napoli in fase di registrazione e rete annullata

Zanoli al sedicesimo minuto, imbeccato da Lindstrom, costringe Cerofolini ad un difficile intervento per respingere il forte diagonale. Simeone, poco dopo, servito dallo svedese in area, si defila e coglie l’esterno della rete. Al 22′ è Raspadori, defilato sulla sinistra a colpire l’esterno della rete ospite. ak ’29 si vede anche il Frosinone. Caso, originario di Torre Annunziata, rientra sul destro e calcia: la sfera viene ribattuta in angolo dalla difesa azzurra. Poco dopo lo stesso Cholito ci riprova dalla distanza, la sua conclusione è sporcata in angolo da un difensore. Al 36′ strozzato in gola l’urlo del Maradona. Sciagurato retropassaggio del frusinate Lusuardi, Simeone intercetta la sfera, dribbla il portiere avversario e segna. L’arbitro Abisso di Palermo, però, ravvisa un’irregolarità di Lindstrom, che avrebbe controllato con la mano in avvio di azione. Nel recupero del primo tempo, su punizione dai venti metri, Raspadori costringe Cerofolini alla respinta.

Secondo tempo, quello che non ti aspetti: il Napoli crolla ed il Frosinone colpisce 

Mario Rui apre le ostilità nella ripresa al settimo con una punizione che finisce sul palo alla destra di Cerofolini. Poco dopo doppio cambio nel Napoli: escono proprio Mario Rui ed un evanescente Demme, entrano Lobotka e capitan Di Lorenzo.

in campo i grossi calibri al 18′ della ripresa. Mazzarri cambia l’attacco: in campo Osimhen e Kvaratskhelia per Simeone e Raspadori.

Frosinone in vantaggio al ventesimo. Calcio d’angolo dalla destra cn traiettoria a rientrare. Il numero 45 gialloblu, Barrenechea, colpisce di testa ed insacca alle spalle dell’immobile Gollini. Nemmeno 5 giri di lancette ed arriva il raddoppio del Frosinone con Giuseppe Caso. Il numero 10, nativo di Torre Annunziata, viene lanciato in profondità da un errore di Di Lorenzo e non sbaglia davanti a Gollini. E’ lo zero a due che ammutolisce il Maradona azzurro ed esalta il migliaio ed oltre di tifosi giunti da Frosinone.

La reazione azzurra è sterile. Gli uomini di Mazzarri producono poco, alto un colpo di testa da posizione favorevole di Kvaratskhelia, inutile il forcing finale. Anzi, al 39′, è Gelli a sfiorare la terza rete ospite. Bravo Gollini a coprire lo specchio della porta. Al 91′ c’è addirittura il tris del Frosinone. Calcio di rigore che Cheddira trasforma spiazzando Gollini. Al 95′ segna ancora il Frosinone, proprio sul fischio finale, che, lanciato in profondità, non sbaglia davanti a Gollini.

Per gli uomini di Mazzarri la sconfitta significa l’addio al primo obiettivo stagionale. Il Frosinone, ai quarti, sfiderà la vincente di Juventus-Salernitana.

La Photogallery del match: