“Elimina i contatti maschili, non vestirti in modo vistoso o ti uccido!”, arrestato 19enne a Napoli

“Elimina i contatti maschili, non vestirti in modo vistoso o ti uccido!”, arrestato 19enne a Napoli

Al polso della vittima, pedinata e minacciata dal giovane fidanzato, il “mobile angel”, orologio collegato alla centrale operativa dei Carabinieri


NAPOLI – “Elimina i contatti maschili dalla rubrica e dai social! Non frequentare le amiche e non vestirti in modo vistoso! Io ti uccido, uccido tuo padre, devi stare con me”. L’imposizione di un 19enne morbosamente geloso, arrestato dai Carabinieri. Al polso della vittima pedinata e minacciata il “mobile angel”, orologio collegato alla centrale operativa dei Carabinieri.

Per delega del Procuratore della Repubblica, si comunica che, i Carabinieri della Compagnia di Napoli Centro hanno eseguito una misura cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della Procura partenopea – Sezione IV Fasce Deboli – a carico di un 19enne dei Quartieri Spagnoli, noto alle Forze dell’Ordine. Il giovane è gravemente indiziato di atti persecutori aggravati, commessi ai danni della sua ex fidanzata.

Le indagini

Le indagini dei Carabinieri della Stazione di Chiaia hanno consentito di documentare condotte minatorie, morbose e moleste reiterate, tutte guidate da una forte gelosia e, una volta terminata la relazione sentimentale tra i due ragazzi, dalla mancata accettazione della situazione di fatto.

Il 19enne avrebbe più volte preteso di controllare la sua ex, seguendola e presentandosi sotto casa contro il suo volere, anche in piena notte. Le avrebbe vietato di frequentare le amiche e di vestirsi in alcuni modi da lui ritenuti troppo vistosi. Il controllo si sarebbe allargato anche al cellulare della ragazza: tutti i contatti di sesso maschile in rubrica e sui social dovevano essere eliminati.

Terminata la relazione, numerose le minacce rivolte alla vittima al telefono, dal vivo ed attraverso le piattaforme social. In alcune occasioni il giovane ha inviato alla vittima anche fotografie che lo ritraevano con in mano una pistola.

I testimoni

I Carabinieri hanno raccolto le testimonianze della vittima e quelle dei suoi familiari, acquisito chat, messaggi inoltrati dall’indagato e lo hanno compiutamente identificato.

La persona offesa, nei giorni immediatamente successivi alla formalizzazione della denuncia, data la gravità delle circostanze rappresentate, era stata dotata del dispositivo Mobile Angel, dalla stessa attivato più volte nel corso di alcuni degli episodi di stalking.

Il 19enne si trova ora ristretto nel carcere di Poggioreale.

Il provvedimento eseguito è una misura cautelare, disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione, e i destinatari della stessa sono persone sottoposte alle indagini e quindi presunte innocenti fino a sentenza definitiva.