Agropoli, Annalisa uccisa dal marito: “La donna ha cercato di difendersi con un taglierino”

Agropoli, Annalisa uccisa dal marito: “La donna ha cercato di difendersi con un taglierino”

L’uomo avrebbe ucciso la moglie a coltellate e poi si sarebbe suicidato con la stessa arma, oggi l’autopsia sul corpo di entrambi


AGROPOLI (SALERNO) – Annalisa Rizzo, 43 anni, impiegata di banca, e il marito Vincenzo Carnicelli, pizzaiolo di 63 anni, sono stati ritrovati morti nella loro abitazione al secondo piano di un palazzo in via Gaetano Donizetti, al centro di Agropoli. 

Al momento l’ipotesi più accreditata è quella di un femminicidio-suicidio. Sul corpo dell’uomo sono state rinvenute diverse ferite da taglio, in particolare una profonda dietro al collo, e alcuni segni di colluttazione. Ma non solo, nell’appartamento è stato trovato un coltello sporco di sangue.

Da una prima ricostruzione, dunque, l’uomo avrebbe ucciso la moglie a coltellate e poi si sarebbe tolto la vita con la stessa arma da taglio.

Il caso di Agropoli

Le indagini sono affidate ai Carabinieri di Agropoli, sotto il coordinamento della Procura di Vallo della Lucania. Nella giornata di ieri, i Carabinieri del Ris di Salerno hanno eseguito i primi rilievi e, inoltre, saranno sottoposti ad ulteriori analisi anche i coltelli da cucina sporchi di sangue.

Per oggi, invece, è in programma l’esame autoptico sul corpo delle vittime presso la sala mortuaria dell’Ospedale San Luca di Vallo della Lucania.

Stando alle ultime informazioni sul caso è emerso che la donna possa essere stata colpita e, nella circostanza, abbia cercato di difendersi. Ad ucciderla sarebbe stato un fendente alla gola.

Tra le ipotesi messe su banco, però, ci sarebbe anche quella del doppio omicidio o del coinvolgimento di terzi. Al momento della tragedia, la figlia (13 anni) di Annalisa e Vincenzo dormiva in cameretta e non ha assistito al delitto. A far scattare l’allarme è stata la mamma della donna che si è rivolta ai Carabinieri dopo le continue telefonate senza risposta.

Solo i successivi accertamenti potranno chiarire al meglio quanto avvenuto in quel di Agropoli.