Il Benevento strega la Casertana con Berra e si aggiudica il derby del Vigorito: Manfredini ipnotizza Curcio che sbaglia un calcio di rigore

Il Benevento strega la Casertana con Berra e si aggiudica il derby del Vigorito: Manfredini ipnotizza Curcio che sbaglia un calcio di rigore

Tre punti in palio che significavano molto di più di quelli di una simbolica vittoria. Quelli del riscatto per i rossoblù dalla


Tre punti in palio che significavano molto di più di quelli di una simbolica vittoria. Quelli del riscatto per i rossoblù dalla bruciante sconfitta del 2016 ma anche dei sogni, delle speranze, della ricorsa ai primissimi posti. E’ gara vera, a viso aperto tra una Casertana delle sorprese ancora imbattuta in trasferta e un Benevento in pieno rilancio dopo gli ultimi colpi di mercato. E sono proprio i padroni di casa ad aggiudicarsi game, set e match con la rete di Berra che in mischia beffa Venturi. Pochi minuti dopo Curcio ha la possibilità di pareggiare su calcio di rigore ma angola troppo il tiro e si stampa sul palo.

PRIMO TEMPO. In avvio un momento di grande emozione con un minuto di raccoglimento dedicato alla scomparsa del campione Gigi Riva. La Casertana parte subito forte con un calcio piazzato e il tapin di Curcio. Il Benevento risponde con due occasioni importanti e una sortita sull’out mancino del neoacquisto Lanini al 12′ ma Venturi in uscita si oppone. La gara si gioca molto a centrocampo ed è molto fisica ed è ancora il club giallorosso ad andare vicino alla rete con Starita che sbaglia il tocco in porta davanti a Venturi. Dalla curva di casa si alza una mini contestazione verso Improta, fischiata invece dalla Tribuna. Al 42′ punizione dei padroni di casa con il colpo di testa e la rete, annullata poi dal guardalinee. Termina così il primo tempo con estremo equilibrio e con il risultato che non si sblocca.

SECONDO TEMPO. Nella ripresa per il Benevento entra Ciciretti ed esce Ferrante. La Casertana è subito pericolosa con Curcio che sfiora il gol con il tiro a giro mentre la squadra di casa cambia ancora gettando nella mischia anche Bolsius e l’esperto Marotta. Al 60′ è Ciciretti che ci prova direttamente da calcio di punizione ma Venturi è attento. Si infiamma intanto il pubblico della tribuna, incitando la propria squadra. Al 74′ da un fallo su Curcio in ripartenza inizia il contropiede del Benevento, con Venturi che devia prima sul palo e poi in angolo. Brivido rossoblù, con il Vigorito che alza i decibel. Al 78′ occasionissima della Casertana con Deli, azione personale, dribbling e invece di tirare verso Manfredini cerca il compagno in area piccola ma la difesa giallorossa respinge. All’80’ all’ennesima azione, dopo un batti e ribatti in area piccola in Benevento trova la traiettoria vincente con Berra che sblocca il risultato. All’83’ ancora un’occasione per Curcio troppo solo in area di rigore ma sono i falchetti a insistere e l’arbitro decreta il calcio di rigore per un fallo di mano dei padroni di casa. Sul dischetto si porta Curcio ma angola troppo la traiettoria e la sfera si stampa prima sul palo poi esce fuori inesorabilmente. Il risultato non cambia più e dopo 5 minuti di recupero a festeggiare è il Benevento.

BENEVENTO       1
CASERTANA       0

BENEVENTO (3-4-3): Manfredini; Berra, Capellini, Pastina; Improta (87′ Terranova), Agazzi, Pinato (70′ Simonetti), Benedetti; Starita (57′ Bolsius), Ferrante (46′ Ciciretti), Lanini (57′ Marotta). A disposizione: Giangregorio, Nunziante, El Kaouakibi, Viscardi, Karic, Kubica, Talia, Tello, Carfora. All.: Gaetano Auteri.
CASERTANA (4-3-3): Venturi; Calapai, Sciacca, Bacchetti, Anastasio; Toscano (61′ Casoli), Proietti, Damian (87′ Taurino); Carretta (72′ Deli), Curcio, Tavernelli. A disposizione: Marfella, Cadili, Soprano, Nicoletti, Paglino, Deli, Matese, Galletta, Turchetta. All.: Vincenzo Cangelosi.
ARBITRO: Bordin di Bassano
RETI: 80′ Berra
NOTE: ammonito Agazzi, Curcio, Deli, Taurino. Recupero 1′ pt, 5′ st.