Scarico abusivo di reflui industriali, blitz dei carabinieri: sigilli ad un’azienda nel Napoletano

Scarico abusivo di reflui industriali, blitz dei carabinieri: sigilli ad un’azienda nel Napoletano

L’attività opera nel settore della produzione-lavorazione e verniciatura delle plastiche


POMPEI – Inquinamento ambientale. Questo il reato che ha portato questa mattina al sequestro di un’azienda a Pompei. L’operazione è stata messa in atto dai carabinieri del comando gruppo per la tutela ambientale di Napoli, che hanno eseguito il decreto di sequestro preventivo emesso dal gip del tribunale di Torre Annunziata su richiesta della Procura oplontina.

Le indagini condotte dai Noe, con la collaborazione tecnica dell’Arpac, hanno permesso di accertare che le attività della azienda operante nel settore della produzione-lavorazione e successiva verniciatura delle plastiche, si sarebbe svolta in violazione della normativa ambientale in materia di scarico dei reflui nei corsi d’acqua e di gestione dei rifiuti.

A seguito dei controlli effettuati, i militari dell’Arma hanno accertato che le acque di dilavamento dei piazzali, dove erano abusivamente stoccate vernici coloranti e varie tipologie di rifiuti, confluivano in alcune griglie di raccolta, la cui destinazione finale risultava essere costituita da due pozzi che disperdevano direttamente nel sottosuolo.

Le contestuali analisi dell’Arpac hanno fatto emergere che le acque reflue presentavano elevate concentrazioni di idrocarburi pesanti. I militari del Noe hanno inoltre potuto accertare che il responsabile dell’azienda, nonostante le prescrizioni già impartite a seguito di un precedente controllo, non aveva trovato alcuna soluzione alla problematica.