Chiama il 118 ammettendo di aver ucciso la moglie, ma era ubriaco. Denunciato per procurato allarme

Chiama il 118 ammettendo di aver ucciso la moglie, ma era ubriaco. Denunciato per procurato allarme

Il 51enne del salernitano non è nuovo ad episodi di questa natura


Un individuo ubriaco ha seminato il panico chiamando il 118 a Capaccio Paestum, affermando di aver ucciso sua moglie a coltellate. L’incidente ha avuto luogo durante l’ora di pranzo, quando i carabinieri, unitamente all’ambulanza della Croce Rossa, sono intervenuti rapidamente in via Magna Grecia, località Santa Venere.
Sul posto hanno trovato l’uomo, un 51enne disoccupato, in stato di ebbrezza, mentre fortunatamente la moglie era al lavoro al momento della chiamata. L’uomo è stato denunciato per procurato allarme, considerando anche il suo coinvolgimento in precedenti minacce di femminicidio. Attualmente, le autorità stanno conducendo accertamenti per verificare eventuali casi di maltrattamenti in famiglia.