Il Codacons alla Guardia di Finanza: “Serve una verifica fiscale su Fedez”

Il Codacons alla Guardia di Finanza: “Serve una verifica fiscale su Fedez”

Non si vuole, sostiene il Codacons, “affermare che il ‘gruppo Fedez’ evade il fisco anche perché questa associazione non dispone di mezzi e potestà necessarie per verificarlo o affermarlo”


Si può “certamente parlare di un uso continuo e ripetuto di operazioni poco trasparenti e talvolta senza un’apparente ragione economica” e va verificato “come sono state gestite fiscalmente le suddette operazioni che generano disallineamenti tra gli effetti civilistici e gli effetti fiscali”. Lo scrive il Codacons in un esposto presentato tre giorni fa alla Guardia di Finanza di Milano e Roma “su possibili situazioni di interesse poste in essere nell’ambito del gruppo societario facente capo” a Fedez, noto rapper e marito di Chiara Ferragni.

Negli allegati alla denuncia dell’associazione dei consumatori si fa riferimento anche ad una relazione di consulenza di Gian Gaetano Bellavia, commercialista e noto esperto di diritto penale dell’economia, in cui viene descritta “una trama societaria in cui si presentano e si ripetono tutti gli indici di pericolosità fiscale”. Non si vuole, sostiene il Codacons, “affermare che il ‘gruppo Fedez’ evade il fisco anche perché questa associazione non dispone di mezzi e potestà necessarie per verificarlo o affermarlo”.

Tuttavia, “in termini probabilistici, l’analisi dei fatti storici e delle esperienze porta a dire che questo tipo di azioni e comportamenti il più delle volte porta o è diretto anche a evadere il fisco”. Nell’esposto di nove pagine l’associazione dà una “ricostruzione” del gruppo societario e degli “asset”.