Napoli, investì il buttafuori all’esterno dell’Ambasciatori in via Crispi dopo una lite: preso

Napoli, investì il buttafuori all’esterno dell’Ambasciatori in via Crispi dopo una lite: preso

Il 46enne aveva preso la sua auto scagliandosi a tutta velocità contro l’uomo: è accusato di tentato omicidio


NAPOLI – Aveva investito il buttafuori del locale Ambasciatori a Napoli dopo una lite. Poi era scappato. Oggi è stato arrestato.

Tutto è nato lunedì scorso quando gli agenti dell’ Ufficio Prevenzione Generale e del Commissariato Montecalvario, su disposizione della Centrale Operativa, erano intervenuti in un locale di via Crispi per una segnalazione di una persona ferita a seguito di una violenta lite.

Gli operatori, giunti sul posto, avevano notato diverse persone in stato di agitazione davanti all’ingresso del locale, alcune transenne riverse a terra e la presenza di macchie di sangue in strada.

Poco prima, una violenta lite all’interno del locale tra un cliente e un addetto alla sicurezza che, visto lo stato di alterazione dell’uomo, si era visto costretto ad accompagnarlo all’esterno. Quest’ultimo, però, dopo essersi allontanato, era ritornato a bordo della sua auto e, a forte velocità, aveva investito l’addetto alla sicurezza che in quel momento si trovava all’esterno del locale. Poi si era dato alla fuga verso piazza Amedeo.

Gli operatori, grazie alla visione delle immagini del sistema di videosorveglianza dell’attività e alle dichiarazioni di alcuni testimoni presenti, a seguito di un’attività di indagine lampo, sono riusciti a risalire all’identità del presunto aggressore riuscendo, in poco tempo, ad intercettare l’auto e a bloccarla, in corso Amedeo di Savoia.

L’indagato, identificato per un 46enne napoletano, è stato così sottoposto a fermo di P.G. in quanto gravemente indiziato del reato di tentato omicidio e conseguentemente sottoposto alla misura della custodia cautelare in carcere dall’A.G. procedente.