Acerra, coppia uccisa da un’auto in strada: condannato a 12 anni il pirata della strada

Acerra, coppia uccisa da un’auto in strada: condannato a 12 anni il pirata della strada

L’uomo alla guida, un 40enne privo di patente e di assicurazione, era sotto l’effetto di stupefacenti


L’episodio è avvenuto la notte dello scorso primo ottobre ad Acerra. Pellegrino Losco, 65 anni, era alla guida della sua autovettura dove all’interno vi erano anche la sua compagna Rachele Iannone, 45 anni, e i loro piccoli figli. Ad un certo punto un’auto invade la loro corsia provocando un violento impatto frontale. Pellegrino morì sul colpo, mentre la moglie venne trasportata alla Casa di cura Villa dei Fiori, dove morì poco dopo. I due figlioletti, che oggi hanno 9 e 3 anni, sono sopravvissuti pur riportando gravi ferite e pesanti postumi invalidanti.
Attraverso accertamenti effettuati in seguito, è emerso che il conducente dell’altra auto non era in possesso della patente di guida ed era sotto l’effetto di cocaina.
Dopo diversi mesi, il tribunale di Nola, ha emesso una dura condanna nei confronti del pirata della strada: il giudice Raffaele Muzzica, infatti, ha inflitto 12 anni e 8 mesi di reclusione all’automobilista. Il processo, conclusosi ieri, è stato celebrato con il rito abbreviato. Il sostituto procuratore di Nola Aurelia Caporale aveva chiesto al giudice nove anni di carcere per l’automobilista.