Gratteri: “Tiktok vetrina delle mafie”. E sul social ecco il profumo ricordo di Emanuele Sibillo

Gratteri: “Tiktok vetrina delle mafie”. E sul social ecco il profumo ricordo di Emanuele Sibillo

Messo in vendita da un parente di quello che fu il boss della paranza dei bambini a Forcella


NAPOLI – “TikTok è la vetrina delle mafie: si fanno vedere ricchi, firmati, con tanti soldi e dicono: noi siamo il nuovo modello, vuoi diventare come noi?. I giovani non strutturati si trovano avviluppati e pensano che quello sia il loro futuro. I social per i mafiosi sono una sfida alle istituzioni, un’esternazione di arroganza”. Così aveva detto Nicola Gratteri, capo della Procura di Napoli, qualche giorno fa. E le immagini che si susseguono sul noto social sembrano dargli ragione, ora dopo ora. Dopo ”O Liò”, il profumo commercializzato da Nunzia Giuliano in onore di suo padre Carmine, ecco infatti che arriva in vendita “EroeS17”, un altro brand che strizza l’occhio al mondo camorristico. La E e la S in maiuscolo stanno a richiamare infatti le iniziali di Emanuele Sibillo, il baby-boss della paranza dei bambini di Forcella morto in un agguato nel 2015, chiamato, appunto, ES17.

Anche questa volta si tratta di un profumo e viene pubblicizzato sul canale Tik-tok dagli stessi familiari. In uno degli spot, mentre si vede il numero 17 avvolto dalle fiamme, parte la melodia di una riproposizione di “Bella ciao” come a voler sottolineare e a rimarcare il concetto di eroe, anche di vittima, accostato a quello che invece fu il capo del gruppo di criminali giovanissimi che volevano levare lo scettro ai Mazzarella.