Voragine al Vomero: ad un mese dal crollo la situazione nei palazzi sgomberati è ancora critica

Voragine al Vomero: ad un mese dal crollo la situazione nei palazzi sgomberati è ancora critica

I residenti: “L’acqua continua a scorrere copiosamente e sempre dallo stesso punto”


NAPOLI – Ad un mese dall’apertura della voragine in via Morghen al Vomero la situazione è ancora molto critica. La denuncia arriva dai residenti di uno dei palazzi coinvolti nel crollo che non nascondono le loro preoccupazioni: “L’acqua – dicono – continua a scorrere copiosamente e sempre dallo stesso punto. Il problema non è stato ancora risolto e noi continuiamo a spalare fango”. Una situazione davvero incredibile, con gli interventi degli addetti ai lavori che non si fermano ma che ad oggi non hanno portato, secondo quanto denunciato dai residenti, ad alcun risultato concreto.

La sensazione – ha dichiarato il deputato Francesco Emilio Borrelli – è che la vera causa non sia ancora stata individuata. Se si è reso necessario interrompere il servizio idrico nella zona, vuol dire che c’è ancora da capire cosa succede nel sottosuolo della collina del Vomero. La priorità è sicuramente mettere in sicurezza la zona, individuare con certezza le cause ed impedire che si ripetano ma le istituzioni non possono esitare e devono sostenere le famiglie sfollate oltre che i commercianti della zona”.