500 bare a Piazza del Plebiscito: l’iniziativa choc contro le morti sul lavoro

500 bare a Piazza del Plebiscito: l’iniziativa choc contro le morti sul lavoro

Intanto continua a salire il bilancio delle “morti bianche”, solo nella giornata di oggi sono morti due operai


NAPOLI – Quest’oggi Piazza Plebiscito è diventata sia un luogo di commemorazione che di protesta contro le morti sul lavoro. L’iniziativa è stata promossa dalla Uil nell’ambito della campagna “Zero morti sul lavoro”, che mira a sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sulla gravità di questo fenomeno.

La Uil ha scelto di utilizzare simbolicamente delle bare di cartone, per affrontare il problema urgente delle morti bianche, rappresentando le oltre 1000 persone che ogni anno perdono la vita sul lavoro e gli sforzi per prevenire la loro morte.

Tuttavia, le morti sul lavoro rimangono una realtà quotidiana, come recentemente dimostra la tragedia nella centrale idroelettrica di Suviana, o il tragico bilancio che anche oggi è destinato a salire, contando altre due vittime: a Lograto, in provincia di Brescia, un operaio 47enne  dell’Era Siderugica, ha perso la vita dopo essere stato schiacciato da una lastra di metallo che si è sganciata dal carroponte che stava manovrando. E ancora, a Oppido Lucano, in provincia di Potenza, un operaio 57enne ha perso la vita dopo essere stato colpito da una lamiera spostata dal vento che lo ha fatto precipitare dal solaio di cantiere.

La campagna “Zero morti sul lavoro” non si è limitata alla città di Napoli, ma coinvolge diverse città italiane, tra cui Milano, Bologna, Firenze, Perugia e Bari.