Si faceva consegnare oggetti preziosi per aiutare “congiunti in difficoltà”: arrestato nel casertano

Si faceva consegnare oggetti preziosi per aiutare “congiunti in difficoltà”: arrestato nel casertano

Avrebbe agito in diversi comuni. In una circostanza, la vittima si è vista costretta a cedere la propria fede nuziale, per rispondere alle  richieste dell’odierno indagato


CASERTANO – All’esito di indagini dirette dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, i  Carabinieri della Stazione di Casal di Principe hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare,  emessa dall’Ufficio GIP del Tribunale di Napoli Nord, su richiesta di questa Procura, nei confronti di una  persona indagata a vario titolo per il reato di truffa aggravata e continuata.

L’indagine ha consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza in capo all’indagato relativamente a tre episodi di truffa commessi nei primi mesi dell’anno 2024 nei Comuni di Casal di Principe, Villa Literno  e Casaluce (CE), in danno di tre persone anziane.

Nello specifico, l’indagato si palesava, di volta in volta, come amico ed emissario del congiunto della vittima richiedendo, a suo nome, denaro o altri oggetti di valore necessari ad aiutarlo per una sopraggiunta  difficoltà, inducendo così in soggezione la vittima che si vedeva costretta a consegnare monili in oro ed argento  in quel momento in suo possesso.

In una circostanza, la vittima si è vista costretta a cedere la propria fede nuziale, per rispondere alle  richieste dell’odierno indagato.

Il quadro indiziario complessivamente raccolto ha consentito, pertanto, l’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti del predetto, che risulta gravemente indiziato di truffa aggravata  e continuata.