Ag. Caprile: “Pronto a mettersi in gioco nel Napoli. Più che la società, è il tecnico a dover decidere”

Ag. Caprile: “Pronto a mettersi in gioco nel Napoli. Più che la società, è il tecnico a dover decidere”

Elia Caprile torna al Napoli, in attesa del suo futuro, dopo l’esperienza positiva ad Empoli


Graziano Battistini, agente di Elia Caprile, ha parlato del futuro del suo assistito dopo l’ottima esperienza maturata con la maglia dell’Empoli.

Resterà con Conte?

“Bisogna aspettare per fare le opportune valutazioni. Al momento, non è neanche ufficiale il nome dell’allenatore. Elia torna a Napoli dopo l’avventura ad Empoli assolutamente positiva: ha contribuito in maniera importante ad una storica salvezza, rientra a Napoli e il mister farà le sue valutazioni.

Ci sarà dialogo col mister e con Manna? Accetterebbe di fare il secondo alle spalle di Meret?

Adesso sono tutte supposizioni. Bisogna capire quali siano le reali intenzioni del club. Caprile ha un contratto importante col Napoli, di cinque anni. Da capire cosa abbia in testa l’allenatore. E’ troppo azzardato dire cosa sceglierà di fare il Napoli: più che la società, è il tecnico a dover decidere. Bisogna attendere di conoscere il pensiero del coach, poi ognuno di noi farà le sue valutazioni. Ora torna a Napoli, è ciò che voleva. Si è sempre giocato il posto con tutto e con tutti. A certi livelli, non ti garantisce niente nessuno”.

Meret è forte, ma alla fine conta sempre il campo. Chi vuole crescere ha bisogno di giocare. E’ altrettanto vero, però, che le valutazioni vanno fatte sulla base che a certi livelli nessuno ti garantisce nulla, neanche la panchina. A meno che tu non sia Buffon, che è sempre stato un fenomeno, il posto te lo devi giocare ogni volta. E’ giusto che sia così. Anche Meret all’inizio ha fatto fatica, e parliamo di un ottimo portiere, pagato tanto dal Napoli. E’ bello che Caprile sia del Napoli, il papà è di Fuorigrotta e questa è una storia curiosa. E’ presto, tuttavia, per dire cosa potrà accadere“.

Queste le parole del manager ai microfoni di Radio Marte.