Arzano, ‘cavallo di ritorno’ fallito grazie alla Municipale: l’auto era pronta ad essere cannibalizzata

Arzano, ‘cavallo di ritorno’ fallito grazie alla Municipale: l’auto era pronta ad essere cannibalizzata

I caschi bianchi allertati da alcuni cittadini sono intervenuti contattando il proprietario


ARZANO – Quella chiamata ormai nota a tutti, “dammi i soldi altrimenti non rivedi più l’auto”. È il più classico dei “cavalli di ritorno”: prima il furto, poi la promessa di riaverla dopo aver pagato e, in caso di rifiuto, auto cannibalizzata. L’ultimo episodio ad Arzano, sventato dall’intervento della Polizia Locale.

Ieri pomeriggio una pattuglia è stata allertata da un cittadino per la presenza di una Fiat Panda con portiera mancante in una traversa di via Cristoforo Colombo in adiacenza degli alloggi popolari.

Precipitatisi sul posto, gli agenti agli ordini del comandante Biagio Chiariello hanno rilevato che il veicolo non era da ricercare. Eppure le condizioni in cui si trovava li hanno insospettiti e spinti ad andare a fondo. Rintracciato il proprietario, un uomo di Frattaminore, ha riferito di aver sporto denuncia di furto qualche ora prima in quanto l’auto era stata rubata sotto l’abitazione e che il danno era enorme essendo l’unico mezzo in uso alla famiglia.

All’arrivo sul posto, l’uomo ha poi riferito agli agenti che c’era stato qualche tentativo di chiedergli somme di denaro per la restituzione ma di aver rinunciato in quanto in difficoltà economiche. L’intervento ha evitato che l’auto fosse cannibalizzata dopo che alcuni pezzi già erano stati smontati.

Il proprietario ha ringraziato le forze dell’ordine per il lavoro effettuato. Un lavoro che rappresenta una chiara testimonianza della collaborazione tra cittadini e istituzioni.