Donna operata al rene sbagliato, aperta un’inchiesta per la 72enne

Donna operata al rene sbagliato, aperta un’inchiesta per la 72enne

Il referto errato e la mancanza di accertamenti hanno portato ad operare sul rene sano


Avrebbe subito un’operazione al rene “sbagliato” all’ospedale Perrino di Brindisi, per questo motivo una donna di 72 anni ha presentato querela contro due medici per lesioni personali colpose.

La vicenda ha inizio nel 2022, quando la signora si reca in ospedale per alcuni accertamenti. Nelle settimane successive, continua a monitorare la propria salute, finché, il 18 maggio 2023, non viene visitata d’urgenza. Da qui l’inizio degli errori che, successivamente, hanno portato ad operare sul rene sano.

Nel referto medico della donna, viene riscontrata la presenza di una “neoformazione ovarica dx (destra), eseguita con tc addome con mezzo di contrasto con riscontro di lesione surrenale dx (destra, di 4 cm)”. Nelle conclusioni, però si consiglia “intervento di surrenectomia sin (sinistra)”.

La denuncia della vittima

Nella denuncia esposta dalla 72enne, viene sottolineato il fatto che l’équipe che ha operato “ha omesso di eseguire ogni e qualsiasi verifica in ordine alla corrispondenza del referto”. Inoltre i medici si sono accorti dell’errore soltanto in un secondo momento.

Nella denuncia viene sottolineato che il  medico ha dichiato di “avere sbagliato l’intervento e che invece di operare sul rene destro avevano operato sul rene sinistro”. La donna ha annunciato che si costituirà parte civile nell’eventuale processo a carico dei medici.

La Procura di Brindisi intanto ha già aperto un’inchiesta e raccolto la documentazione clinica della vittima.