Giugliano, è ufficiale: da sabato 1 giugno il parco Liternum sarà aperto al pubblico

Giugliano, è ufficiale: da sabato 1 giugno il parco Liternum sarà aperto al pubblico

Il parco attrezzato, che si affaccia sul lago, sarà finalmente accessibile ai visitatori


GIUGLIANO – Sabato 1 giugno il parco di Liternum sarà definitivamente aperto ai cittadini, dopo un breve periodo di attesa post-inaugurazione per organizzare la vigilanza notturna. Il parco attrezzato, che si affaccia sul lago, sarà finalmente accessibile ai visitatori. A dare la notizia è stato il sindaco di Giugliano, Nicola Pirozzi, tramite il suo profilo facebook ufficiale.

IL POST DEL SINDACO

Sabato 1 giugno il parco di Liternum sarà definitivamente restituito ai cittadini. Ho atteso qualche settimana dopo l’inaugurazione prima di renderlo accessibile ai visitatori per definire anche la vigilanza notturna del polmone di verde attrezzato che affaccia direttamente sul lago.
Di giorno abbiamo installato e attivato un sistema di videosorveglianza intelligente in modo da tenere sotto controllo ogni metro del parco mentre di notte la struttura sarà custodita pure da un’istituto di vigilanza.
Sul fronte della sicurezza, di più non si poteva prevedere ma sappiamo bene che la differenza in questi casi dipende dalla civiltà di noi cittadini e spero che si comprenda la necessità di tutelare ciò che è nostro, realizzato con i soldi dei contribuenti e grazie a tanti sforzi amministrativi.
Ci abbiamo messo, anche in questo caso, il cuore e confido nella maturità di una comunità che insieme a noi crede in una rinascita del territorio ormai sempre più visibile, concreta, reale e proiettata al futuro.
Da sabato avremo tutti a disposizione uno spazio pubblico avveniristico che richiamerà sul nostro territorio cittadini provenienti da tutta la regione.
Lo abbiamo promesso, lo abbiamo realizzato e adesso sarà a disposizione di tutti coloro che vorranno godersi le bellezze che Giugliano finalmente esprime al massimo della potenzialità.
Ovviamente non ci fermiamo qui. C’è tantissimo ancora da fare ma tanto è già stato fatto. Tanto come non mai. E di questo ne siamo fieri ed orgogliosi.