Napoli, riciclaggio per conto del Clan: tra i 5 arrestati il direttore della Pizzeria “Dal Presidente”

Napoli, riciclaggio per conto del Clan: tra i 5 arrestati il direttore della Pizzeria “Dal Presidente”

Due anni fa era finito nella bufera per un commento omofobo, che gli causò molte recensioni negative, pubblicato su Instagram da lui definito “solo uno sfogo”


NAPOLI – Tra i cinque arrestati oggi a Napoli per l’inchiesta su camorra e riciclaggio anche Massimiliano Di Caprio, 50 anni, direttore della pizzeria ‘Dal Presidente’, di via Tribunali, nel centro storico di Napoli, una delle più note della città, oggi sequestrata dal nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli nell’ambito di un’indagine antiriciclaggio che riguarda il clan Contini.

Di Caprio, nel luglio del 2022, è finito nella bufera per un commento omofobo pubblicato su Instagram da lui definito “solo uno sfogo”.

Il post lo trasformò nel giro di poche ore in un bersaglio, con da centinaia di repliche via social anche di boicottare la sua attività con recensioni negative.

Di Caprio pubblicò una storia su Instagram (da tempo rimossa) in cui tra l’altro si leggeva: “Non me ne f….te di consensi e di avere più clienti, o di candidarmi in politica per avere voti e fare soldi. Io sono un uomo e non voglio offendere la legge di Gesù Cristo, che ha creato uomo e donna”.

LEGGI ANCHE:

Napoli, sequestrata la Pizzeria del Presidente per camorra e riciclaggio: 5 arresti