Poliziotto accoltellato in gravissime condizioni: l’aggressore aveva diversi precedenti a Napoli

Poliziotto accoltellato in gravissime condizioni: l’aggressore aveva diversi precedenti a Napoli

L’agente è stato trasferito al Niguarda di Milano, dove gli sono occorse settanta trasfusioni di sangue e trenta di plasma


Il viceispettore di Polizia, Christian Di Martino, colpito da tre fendenti alla schiena nella stazione di Lambrate a Milano da un 37enne di origini marocchine, Hasan Hamis, già noto per i suoi precedenti penali, tra cui rapina aggravata, furto, lesioni personali e reati legati agli stupefacenti, resta in carcere per tentato omicidio

Trasportato d’urgenza all’ospedale Niguarda di Milano, l’agente è stato sottoposto a un lungo intervento chirurgico per le gravi ferite riportate. Durante l’operazione, ha avuto cinque arresti cardiaci ed è stato necessario effettuare ben settanta trasfusioni di sangue e trenta di plasma.
Le condizioni dell’agente restano critiche ma stabili, mentre Hamis è stato arrestato e si trova ora in custodia.

Hasan Hamis era stato espulso dal territorio italiano in diverse occasioni, ma è sempre riuscito a rimanere irregolare nel Paese, ma la sua presenza nella provincia milanese non era mai stata segnalata prima dell’attacco a Lambrate.

L’aggressione è avvenuta dopo che Di Martino e i suoi colleghi sono intervenuti per bloccare Hamis, che stava lanciando sassi su treni e passanti, ferendo anche una donna, ma nonostante fosse stato colpito con un taser, l’aggressore è riuscito a estrarre un coltello e colpire il poliziotto.