Rapinò in casa padre e figlia picchiando la ragazza dopo essere stato scoperto: in manette

Rapinò in casa padre e figlia picchiando la ragazza dopo essere stato scoperto: in manette

L’uomo era riuscito ad entrare dalla porta principale e a portare via gioielli e soldi


TORRE ANNUNZIATA – Arrestato per rapina e lesioni. È l’epilogo delle indagini compiute dai carabinieri di Torre Annunziata che questa mattina, in esecuzione di un’ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Torre Annunziata su richiesta di questa Procura della Repubblica, hanno proceduto all’arresto di un uomo.

È gravemente indiziato del reato di rapina aggravata commesso in Torre Annunziata il 3 Dicembre 2023 ai danni di una persona ultrasessantacinquenne e della figlia.

Le indagini, condotte dai Carabinieri e coordinate dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata, hanno consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico dell’uomo.

Dalle indagini è emerso che lo stesso, con volto travisato, approfittando del fatto che i due avevano dimenticato le chiavi di casa nella serratura della porta di ingresso, si sarebbe introdotto di notte nell’abitazione.

Scoperto dalla figlia del proprietario, l’indagato, che risponde anche del reato di lesioni personali aggravate ai danni della stessa, non si sarebbe fermato ed anzi avrebbe colpito la ragazza con calci e pugni portando via la refurtiva tra oro e contanti. Poi, prima di scappare, avrebbe rubato alla ragazza altri soldi oltre a documenti e un mazzo di chiavi.

Le modalità particolarmente efferate di commissione del reato, sintomatiche dell’indole criminale del soggetto, che ha precedenti penali specifici, hanno reso necessaria l’applicazione della misura cautelare di massimo rigore da parte del giudice per le indagini preliminari.

Dopo le formalità di rito, è stato arrestato e trasferito a Poggioreale a disposizione dell’Autorità giudiziaria.