Su tiktok denunciano di essere stati aggrediti dal personale sanitario, ma è tutto falso: la vicenda

Su tiktok denunciano di essere stati aggrediti dal personale sanitario, ma è tutto falso: la vicenda

I due erano i carnefici e non le vittime: si erano scagliati contro medici e infermieri perché non volevano aspettare il turno


POZZUOLI – In una diretta su tiktok hanno denunciato di essere stati aggrediti dal personale sanitario. Poi, però, si è scoperto che era tutto falso e che in realtà gli aggressori erano stati proprio loro. È avvenuto all’Ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli dove stanotte una coppia di ragazzi ha aperto una diretta su tik tok lanciando pesanti accuse nei confronti del personale del pronto soccorso.

Secondo quanto da loro denunciato, i due sarebbero stati picchiati dagli infermieri della struttura e, per avallare la loro tesi, decidevano di mostrare alle telecamere i segni di un accesso venoso strappato.

In realtà le cose, si scoprirà, sarebbero andate in tutt’altro modo. Tutto è nato infatti quando i due ragazzi hanno chiamato il 118 in piena notte da una stanza d’albergo a Licola. Il motivo era, secondo i documenti medici, “mal di pancia e vertigini sequenziali ad assunzione di frutti di mare”. A quel punto il medico dell’ambulanza propone loro un controllo in ospedale in codice verde, ma i due rifiutano.

Gli stessi però decidono di recarsi più tardi al pronto soccorso e, non volendo attendere, aggrediscono gli infermieri del ‘triage’ e poi provano a difendersi in diretta social dicendo di essere stati aggrediti.

Poi però si sarebbero allontanati, nessuna denuncia, nessuna aggressione. Come accertato anche dal collega Pino Grazioli, ringraziato dall’associazione Nessuno Tocchi Ippocrate che ha parlato dell’accaduto, i due in realtà erano i carnefici e non le vittime.