Aggredisce madre e sorella, poi si consegna ai Carabinieri chiedendo l’arresto

Aggredisce madre e sorella, poi si consegna ai Carabinieri chiedendo l’arresto

Il 25enne, insofferente ai domiciliari, aveva dichiarato ai militari “Arrestatemi o commetto un omicidio.”


MADDALONI (CE) – I carabinieri di Maddaloni, hanno condotto in carcere un 25enne già sottoposto agli arresti domiciliari per una truffa commessa ad Amalfi nell’agosto 2023. Insofferente alla misura cautelare, il giovane aveva aggredito violentemente la madre e la sorella, tanto da presentarsi poi ai carabinieri dicendo: “Arrestatemi, o commetto un omicidio.”

I militari lo hanno trovato seduto sul marciapiede, con una gamba sanguinante, accanto alla sua abitazione. La madre, 58 anni, e la sorella, 41 anni, hanno riferito che il giovane manifestava comportamenti aggressivi e violenti da mesi, ma durante l’ultimo episodio, il 25enne aveva colpito la sorella con il telecomando del televisore e danneggiato l’appartamento, rompendosi una gamba nel tentativo di sfuggire.

I carabinieri hanno fatto intervenire il personale del 118 per medicare il 25enne e la sorella, la quale è stata giudicata guaribile in dieci giorni. Dopo le formalità di rito, il giovane è stato trasferito nel carcere di Santa Maria Capua Vetere.