Anziano di 94 anni picchiato e ridotto in fin di vita dal badante, arrestato srilankese

Anziano di 94 anni picchiato e ridotto in fin di vita dal badante, arrestato srilankese

Il badante dello Sri Lanka è stato trovato in evidente stato di alterazione psicofisica per abuso di alcol. L’anziano, attualmente ricoverato, lotta tra la vita e la morte


ROMA – I Carabinieri della Stazione di Roma Porta Portese hanno eseguito un fermo per tentato omicidio, a carico di un uomo di 31 anni dello Sri Lanka. L’uomo era stato assunto da qualche giorno come badante di un anziano di 94 anni.

Stando a quanto appreso da fonti ufficiali, il 31enne è gravemente indiziato di aver picchiato violentemente l’anziano che doveva assistere e curare, tanto da provocargli lesioni in tutto il corpo, frattura delle vertebre lombari, frattura delle costole, frattura del cranio e perforazione del polmone.

Anziano picchiato dal badante a Roma

Ad accorgersi della violenza è stato il figlio dell’anziano che ha chiesto aiuto al 112. Quando i militari dell’Arma sono giunti sul posto, hanno trovato il badante in evidente stato di alterazione psicofisica per abuso di alcol.

L’anziano è stato subito soccorso dal personale del 118 e trasportato d’urgenza presso l’Ospedale San Camillo di Roma, dove è ricoverato in prognosi riservata, in terapia intensiva, in pericolo di vita.

Raccolti gravi indizi di colpevolezza a carico del cittadino dello Sri Lanka, i Carabinieri lo hanno portato presso il carcere di Regina Coeli in attesa di giudizio. L’indagato deve intendersi innocente fino ad eventuale accertamento di colpevolezza con sentenza definitiva.