Bracciante morto, permesso di soggiorno speciale per la vedova

Bracciante morto, permesso di soggiorno speciale per la vedova

Secondo quanto si apprende la donna, irregolare in Italia, sta per ricevere il permesso di soggiorno di giustizia dopo quanto accaduto a suo marito


È uscita pochi istanti fa dall’ufficio passaporti di palazzo M, a Latina, Soni, la moglie di Satnam Singh, il bracciante indiano morto dopo esser stato abbandonato senza un braccio davanti casa dal proprietario dell’azienda dove lunedì pomeriggio si era verificato un incidente sul lavoro nel quale aveva perso il braccio destro. Secondo quanto si apprende la donna, irregolare in Italia, sta per ricevere il permesso di soggiorno di giustizia dopo quanto accaduto a suo marito. La donna era accompagnata nell’ufficio da Hardeep Kaur, segretaria della Flai Cgil di Latina e Frosinone.