Camorra, arrestato a Capodichino “Genny Maradona”: è il “politico” del clan Contini

Camorra, arrestato a Capodichino “Genny Maradona”: è il “politico” del clan Contini

Per gli inquirenti è l’elemento cardine dell’infiltrazione criminale nell’ospedale San Giovanni Bosco


NAPOLI – Prima la fuga dopo il blitz e gli arresti degli affiliati al clan Contini. Poi la latitanza durata, però, appena tre giorni: Gennaro Manetta, 45 anni, alias “Genny Maradona”, è stato arrestato. L’operazione della Polizia è avvenuta questa mattina all’interno dell’aeroporto di Capodichino a Napoli in collaborazione con i carabinieri del Nucleo Investigativo del capoluogo partenopeo.

Considerato il “Politico” del clan Contini, per gli inquirenti Manetta rappresenta l’uomo cardine dell’inchiesta sull’infiltrazione del potente gruppo criminale nella gestione dell’ospedale San Giovanni Bosco.

Appena tre giorni fa il blitz aveva portato a diversi arresti che hanno rappresentato un duro colpo al clan Contini ma l’uomo era fuggito alla cattura volando negli Stati Uniti. Una volta atterrato a Napoli, però, è stato arrestato.