Campania, finte visite mediche per palpeggiare e filmare le pazienti: due arresti

Campania, finte visite mediche per palpeggiare e filmare le pazienti: due arresti

Il Cardiologo e il Vice Procuratore Onorario sono finiti agli arresti domiciliari con l’accusa di violenza sessuale di gruppo aggravata


BENEVENTO/LECCE – Un cardiologo in servizio presso un ospedale di Benevento e un viceprocuratore onorario, che all’epoca dei fatti operava presso la Procura di Lecce, sono stati posti agli arresti domiciliari con l’accusa di violenza sessuale di gruppo, aggravata dalla circostanza di essere stata compiuta da un pubblico ufficiale nell’esercizio delle sue funzioni.

Durante apparenti visite mediche, il viceprocuratore si presentava in ospedale fingendosi un medico collega del cardiologo, e insieme, facevano spogliare le pazienti, le palpeggiavano e le filmavano nude, abusando della loro fiducia e riprendendo tutto con foto e video.

L’indagine è stata condotta dai finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria Gico di Lecce. Un’ordinanza emessa dal Tribunale del Riesame di Napoli, su appello della Procura di Benevento, è stata confermata dalla Corte di Cassazione, che ha dichiarato inammissibile il ricorso promosso dagli interessati.

Il procuratore di Benevento, Aldo Policastro, ha spiegato che il medico beneventano, con la partecipazione attiva del viceprocuratore, effettuava visite cardiologiche apparenti durante le quali compiva atti fortemente intrusivi nella libertà sessuale delle ignare pazienti. Entrambi riprendevano con video e foto quanto accadeva, condividendo le riprese in chat.